FRANCESCO: OBBEDIENZA A DIO È FARE DEL BENE

ROMA\ nflash\ - “L’obbedienza” al Signore consiste “nel realizzare il Regno di Dio, nel fare del bene”. Così Papa Francesco rivolgendosi ai pellegrini e ai fedeli giunti ieri in piazza San Pietro per ascoltare la recita dell'Angelus domenicale, nonostante la pioggia. “Con la sua predicazione sul Regno di Dio, Gesù si oppone a una religiosità che non coinvolge la vita umana, che non interpella la coscienza e la sua responsabilità di fronte al bene e al male”, ha esordito il Santo Padre, citando poi “la parabola dei due figli, che viene proposta nel Vangelo di Matteo (cfr 21,28-32). All’invito del padre ad andare a lavorare nella vigna, il primo figlio risponde impulsivamente “no, non ci vado”, ma poi si pente e ci va; invece il secondo figlio, che subito risponde “sì, sì papà”, in realtà non lo fa, non ci va. L’obbedienza non consiste nel dire “sì” o “no”, ma sempre nell’agire, nel coltivare la vigna, nel realizzare il Regno di Dio, nel fare del bene. Con questo semplice esempio, Gesù vuole superare una religione intesa solo come pratica esteriore e abitudinaria, che non incide sulla vita e sugli atteggiamenti delle persone, una religiosità superficiale, soltanto “rituale”, nel brutto senso della parola”. (nflash) 

Newsletter
Archivi