L’ISTRUZIONE DEI RIFUGIATI IN TEMPI DI CRISI

GINEVRA\ nflash\ - Secondo un rapporto pubblicato oggi dall’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, dei 7,1 milioni di bambini rifugiati in età scolare 3,7 milioni – più della metà – non vanno a scuola. Il rapporto "Stepping up: refugee education in crisis" (Rafforzare l’istruzione dei rifugiati in tempi di crisi) mostra che, con l’avanzare dell’età, diventa più difficile superare gli ostacoli all’istruzione: solo il 63% dei bambini rifugiati frequenta la scuola elementare, rispetto al 91% su scala globale, mentre gli adolescenti iscritti alla scuola secondaria sono il 24%, a fronte dell’84% nel mondo. Il forte calo della frequenza scolastica da parte dei rifugiati nel passaggio tra la scuola primaria e secondaria è il risultato diretto della mancanza di finanziamenti da destinare alla loro istruzione. L’UNHCR esorta pertanto i governi, il settore privato, le organizzazioni educative e i donatori a fornire sostegno finanziario a una nuova iniziativa volta a promuovere l’istruzione secondaria per i rifugiati. (nflash) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi