SCUOLA E FUTURO: CONTRO LA “FUGA DI CERVELLI” IL PIEMONTE PUNTA SULL’ORIENTAMENTO

SCUOLA E FUTURO: CONTRO LA “FUGA DI CERVELLI” IL PIEMONTE PUNTA SULL’ORIENTAMENTO

TORINO\ aise\ - Una rete di oltre 130 sportelli di orientamento in Piemonte e un sistema coordinato di azioni e servizi per ragazzi, scuole e famiglie: la Regione Piemonte dà il via alle nuove attività di orientamento, progettate per il triennio 2019-2022 e finanziate dal Fondo Sociale Europeo, con un investimento di 6,5 milioni di euro. Obiettivi principali del sistema regionale, pensato per sostenere i ragazzi tra gli 11 e i 22 anni nella scelta consapevole dei percorsi più adatti, nei vari cicli di studio e nelle prime fasi della vita professionale, sono il coinvolgimento delle fasce scolastiche più precoci, il supporto per i casi di insuccesso o dispersione scolastica, il coinvolgimento dei genitori, la formazione degli orientatori, il raccordo con il mondo delle imprese e dei professionisti.
“Obiettivo Orientamento Piemonte si consolida e si rafforza su tutti i territori - spiega l’assessore regionale all’Istruzione, Elena Chiorino - garantendo interventi capillari e concertati: il sistema degli sportelli, infatti, copre l’intera regione, grazie a raggruppamenti territoriali di enti accreditati, che operano in chiave di coprogettazione con scuole, università, servizi per il lavoro, ma anche con istituzioni, organizzazioni datoriali, fondazioni e associazioni”.
“Riteniamo l’orientamento una delle politiche attive più efficaci e da sostenere”, sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. “Per combattere la cosiddetta fuga di cervelli serve offrire ai giovani, già a partire dalle fasce d’età più basse, tutti gli strumenti e le informazioni che li aiutino a fare la scelta giusta per il proprio futuro. Non c’è nulla di male nell’andare a studiare o lavorare all’estero, a patto però che questa sia una scelta e non una necessità. Ecco perché l’orientamento diventa non solo importante, ma fondamentale per consentire ai ragazzi di costruire il loro futuro in Piemonte”.
“Nessuno deve essere più costretto a “fuggire” - aggiunge l’assessore Chiorino - ed è nostro compito e volontà mettere in campo tutti gli strumenti per contrastare questo fenomeno, tra i quali un ruolo centrale è ricoperto proprio dall’orientamento”.
Punti di orientamento per disoccupati più giovani sono attivi anche nei Centri per l’impiego. Nel Torinese, le attività sono gestite dalla Città Metropolitana di Torino. Tra le novità della nuova programmazione, il coinvolgimento delle scuole secondarie di primo e secondo grado che potranno attivare punti di accesso e consulenza orientativa, seminari informativi per genitori sull’offerta di istruzione e formazione, oltre alla creazione di equipe territoriali di riferimento per i territori.
L’elenco gli sportelli è disponibile sul sito www.regione.piemonte.it.
Ma quali sono le attività che vengono svolte negli sportelli di orientamento? “Orientatori” specializzati offrono una serie di servizi gratuiti e organizzano diverse attività individuali o laboratori in classe.
Nel periodo 2016-2019, sono stati più di 130 mila gli adolescenti ed i giovani coinvolti in Piemonte nelle attività di orientamento del sistema regionale, oltre 400 le scuole coinvolte, 400 gli orientatori in rete. Per il triennio 2019/2022 i numeri sono destinati a crescere visto il consolidarsi della rete operativa, delle azioni di animazione territoriale a cui si aggiunge il coinvolgimento di genitori e dei ragazzi fin dal 1° anno della secondaria di 1° grado. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi