MAMIE ET MOI: L’ARTE DI TESSERE LA MAGLIA E IL LEGAME TRA GENERAZIONI – DI AMELIA CONTE

Mamie et Moi: l’arte di tessere la maglia e il legame tra generazioni – di Amelia Conte

LUSSEMBURGO\ aise\ - “Lo scorso primo ottobre, l’Associazione Mamie et Moi Non-Profit (ASBL) ha lanciato un progetto intergenerazionale unico in Lussemburgo, chiamato Collectif au Carré. L’idea è quella di realizzare dei quadrati lavorati a maglia per riprodurre il dipinto impressionista La Petite Histoire del pittore Corneille Lentz (collezione di Villa Vauban) come un puzzle XXL. Sarà possibile ammirare l’opera terminata al Museo cittadino nell’aprile 2021”. Ne scrive Amelia Conte sulle pagine online di “Passaparola", magazine diretto a Lussemburgo da Paola Cairo e Maria Grazia Galati.
“Quando è stato lanciato, Mamie et Moi ha invitato tutti a lavorare a maglia o uncinetto 5.000 quadrati e inviarli all’associazione per posta o tramite cassette di raccolta dislocate sul territorio. Ad oggi la sfida è stata raccolta da oltre 230 partecipanti e accettata da 32 punti di raccolta. Ora si contano più di cento knitters (magliaie) e altrettante persone interessate e coinvolte nel gruppo Facebook Collectif au carré.
A soli due mesi dal lancio del progetto, sono già stati raccolti circa 5.866 pezzi. L’obiettivo di 5.000 quadrati lavorati a maglia già ampiamente raggiunto. I quadrati prodotti in eccesso saranno utilizzati per creare un collegamento tra le generazioni in Lussemburgo.
Questo dipinto rappresenta la prima parte di una serie di progetti intergenerazionali e interculturali guidati da Mamie et Moi. l’Asbl, infatti, a partire dal dipinto sta immaginando nuovi progetti artistici altrettanto inclusivi e transfrontalieri che, però, non saranno rivelati fino al primo trimestre del 2021.
Info utili
Prossimi incontri del Collectif au Carré (in modalità virtuale):
Sabato 5 dicembre: arte tessile e sfumature di grigio
Giovedì 17 dicembre: Natale al Carré
La registrazione viene effettuata tramite e-mail all’indirizzo moien@mamieetmoi.lu o direttamente sulla pagina dell’evento Facebook (https://www.facebook.com/mamieetmoi)
Le interazioni tra i partecipanti si svolgeranno virtualmente fino a dicembre 2020, grazie in particolare ai “caffè online di maglieria” ogni due settimane. Questi incontri tramite Zoom sono aperti a tutti, dagli 8 anni, in francese e durano 1 ora (dalle ore 10:00 alle ore 11:00). Ogni incontro affronta un tema legato all’arte tessile e viene evidenziato un colore del dipinto. Si discute con i partecipanti del progetto grazie ai supporti video prodotti da Villa Vauban. Usando gli strumenti interattivi messi a disposizione da Zoom per creare slancio, scambio (sondaggio, domande e risposte, chat) una sfida diversa in ogni data.
Supporto e partner: il progetto Collectif au Carré è stato selezionato nell’ambito del piano d’azione nazionale per l’integrazione 2020, finanziato dal Ministère de la Famille, de l’Intégration et à la Grande Région. I partner i due Musées de la Ville de Luxembourg, l’association française Citémômes et son projet Tricote un sourire et l’Essentiel, partenaire média”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi