RIPARIAMO GLI OGGETTI INVECE DI BUTTARLI: A LONDRA IL SUCCESSO ITALIANO DEI RESTART PARTIES – DI ANTONIO PIEMONTESE

RIPARIAMO GLI OGGETTI INVECE DI BUTTARLI: A LONDRA IL SUCCESSO ITALIANO DEI RESTART PARTIES – di Antonio Piemontese

LONDRA\ aise\ - "Spesso le aziende rendono difficile riparare i prodotti. La soluzione? Arriva dal basso" e dall’Italia come racconta Antonio Piemontese in un articolo pubblicato in primo piano sul portale in lingua italiana LondraItalia.com, diretto nella city da Francesco Ragni.
"Recuperare i vecchi device, quelli che troppo spesso buttiamo non appena smettono di funzionare. Smartphone, computer, ma anche radio e tostapane. A Londra c’è un italiano che ci prova e per farlo ha dato vita a una social enterprise. Si chiama Ugo Vallauri, co-fondatore di The Restart Project. Il motto? "Aggiustare il nostro rapporto con la tecnologia".
E in effetti c’è molto da fare. "Spesso gli elettrodomestici e i device elettronici che utilizziamo si rompono. Ma non proviamo nemmeno a ripararli: finiscono direttamente nella spazzatura" spiega a LondraItalia.
Spesso la colpa non è neanche della pigrizia degli utenti: il prodotto nuovo è semplicemente meno costoso. Le aziende non aiutano: senza pezzi di ricambio e manuali tecnici, è una battaglia persa. "In questo modo scoraggiano chi vuole provarci" attacca Vallauri, che ha cominciato a occuparsi della questione nel 2013 organizzando regolarmente dei "Restart Parties": le persone portano i propri device rotti o semplicemente lenti che vengono aggiustati da "tecnici" non professionisti, persone comuni con la passione per il cacciavite e un po’ di fantasia.
I parties sono occasioni per imparare a fare da sé. "Vogliamo dare una prospettiva diversa, estendere la vita dei prodotti con un po’ di pazienza e impegno" prosegue il founder, che vive stabilmente nella capitale britannica.
SPAZZATURA ELETTRONICA – Ogni anno sono prodotti circa 50 milioni di tonnellate di e-waste, che in parte finiscono in discariche nei Paesi più poveri dell’Africa, come Nigeria e Ghana. La causa, secondo alcuni, spesso è l’obsolescenza programmata: le aziende costruirebbero i dispositivi con una "data di scadenza" fissata in anticipo in modo da mantenere costante la produzione industriale.
Per contribuire a trovare una soluzione, Vallauri e la sua organizzazione stanno raccogliendo un database con le schede di tutti i prodotti riparati: i file contengono indicazioni sul guasto e le difficoltà incontrate, ad esempio la posizione scomoda delle batterie o la mancanza di parti di ricambio. L’archivio, che contiene ottomila schede, può servire ai decision makers per legiferare ad hoc.
Anche il Parlamento Europeo si è interessato della questione dell’obsolescenza programmata, con una proposta di iniziativache ha visto tra i relatori anche l’eurodeputato italiano Marco Zullo. "Una famiglia di 4 persone potrebbe risparmiare fino a 50mila euro nell’arco di una vita se solo gli elettrodomestici durassero di più" spiega il parlamentare. Adesso si attende il passo successivo: in Europa le leggi le fa la Commissione, che è molto sensibile, spiega l’onorevole, all’azione delle lobby. Soprattutto quelle dei Paesi come UK, Germania e Italia, dove più forte è l’industria degli elettrodomestici, che si oppongono a una regolamentazione.
Il prossimo appuntamento con i Restart Parties a Londra è fissato per il 20 ottobre al Kentish Town Community Centre, in occasione dell’International Repair Day. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito". (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi