"SAVE VENICE" L’OPERA E LA CITTÀ DI SAN FRANCISCO SI STRINGONO ATTORNO A VENEZIA

"SAVE VENICE" L’OPERA E LA CITTÀ DI SAN FRANCISCO SI STRINGONO ATTORNO A VENEZIA

SAN FRANCISCO\ aise\ - Il Consolato Generale di San Francisco ha aderito attivamente alla campagna di solidarietà lanciata dall’Ambasciata d’Italia a Washington DC "America loves Venice". L’iniziativa è stata ideata per raccogliere fondi a sostegno del patrimonio artistico di Venezia dopo la terribile alluvione nell’ambito dello sforzo internazionale portato avanti dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
In particolare l'Ambasciata d'Italia a Washington e Save Venice, la principale organizzazione no-profit americana dedicata alla conservazione del patrimonio artistico di Venezia, stanno collaborando con l'obiettivo di raccogliere fondi per riportare Venezia al suo splendore.
Save Venice ha attivato l’Immediate Response Fund per il patrimonio artistico di Venezia. Si può effettuare infatti una donazione negli USA su www.savevenice.org/donate e tutti i Consolati Generali d’Italia negli Stati Uniti stanno collaborando con l’Ambasciata in questo sforzo corale.
La San Francisco Opera ha dedicato proprio alla città di Venezia l’ultima serata della messa in scena di "Manon Lescaut" di Puccini, diretta dal Maestro Nicola Luisotti, aprendo così la campagna di raccolta fondi anche nella città californiana.
Il legame operistico di San Francisco con la città della Fenice è peraltro molto forte. Prima che iniziasse il concerto vi è stato l’annuncio del direttore dell’Opera, Matthew Shilvock. Sullo schermo in cui è generalmente proiettato il libretto dell’opera, è stata poi inserita la scritta "Dedichiamo questa serata alla città di Venezia, proteggendo un luogo importante della cultura italiana", attorno alla quale si è stretto, con un lungo applauso, anche il pubblico di San Francisco. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi