L’ITALIA IN MOSTRA

L’ITALIA IN MOSTRA

ROMA – focus/ aise - In occasione del 500° anniversario della morte di Raffaello e in occasione dell'inaugurazione presso la National Gallery of Art (NGA) della splendida mostra "Raphael and his Circle", l'Ambasciata e l'Istituto Italiano di Cultura a Washington DC hanno organizzato una serata per celebrare uno dei più grandi maestri del Rinascimento italiano, Raffaello appunto.
L'evento si terrà il 19 febbraio in Ambasciata e vi parteciperà il curatore della NGA Jonathan Bober, con il quale i presenti potranno conoscere lo stile insuperabile di Raffaello e come la sua arte sia diventata un modello di classicismo che ha fissato gli standard di eccellenza estetica nella tradizione occidentale.
Nel suo intervento Bober illustrerà anche la mostra "Raphael and his Circle" presentando disegni e incisioni meno conosciuti del Maestro, ma ugualmente importanti, insieme ai cinque dipinti di Raffaello che fanno parte della collezione della Galleria di Washington, la più grande e la più importante al di fuori dell'Europa. Ambasciatore d'Italia in Slovenia, Carlo Campanile ha visitato nei giorni scorsi al Castello di Lubiana la Mostra "Italian Cosmetics Made in South", evento organizzato dall'Agenzia ICE nell'ambito del Piano Export Sud a favore delle Regioni di Convergenza.
In questa occasione, 15 imprenditori del Mezzogiorno hanno presentato prodotti di cosmesi naturali e certificati bio nel corso di oltre 300 incontri B2B con buyer e distributori sloveni nonché provenienti dai Paesi limitrofi dell'Europa Centro-Orientale.
In un'intervista rilasciata all'emittente locale RTV Koper, l'Ambasciatore ha sottolineato l'importante ruolo dell'Italia quale 2° fornitore della Slovenia - dopo la Germania - per i prodotti cosmetici: gli ultimi dati sull'interscambio, relativi a fine 2018, hanno registrato 69,4 milioni di euro con una quota del 14,8% sulle importazioni slovene del settore. La gamma della produzione italiana Made in South è molto diversificata, capace di coniugare la tradizione con la costante ricerca di nuove soluzioni tecnologiche, attraverso prodotti in grado di incontrare il gusto della clientela locale, che ricerca proposte allineate ai propri valori personali e spesso, rispetto alle grandi multinazionali, tende a preferire piccole aziende, legate all’ambiente e all’etica produttiva. Si è aperta il 6 febbraio scorso presso la Filmoteca de Catalunya a Barcellona la mostra “David Lynch. Somnis: homenatge a Fellini”.
Organizzata in collaborazione con il Consolato Generale d'Italia e l'Istituto Italiano di Cultura di Barcellona nell'ambito delle celebrazioni per il centenario della nascita di Federico Fellini, questa di Barcellona è una suggestiva esposizione di litografie del regista americano David Lynch ispirate alla celebre pellicola “Otto e mezzo”.
In esposizione anche 12 disegni originali del cineasta riminese, per un confronto inedito tra le visioni oniriche dei due grandi maestri della settima arte. A completamento del percorso espositivo in mostra è proiettato il documentario “David Lynch: The Art Life” di Jon Nguyen (2016).
La mostra, che si avvale anche del supporto della Fondazione Fellini per il cinema, sarà aperta sino al 31 maggio con ingresso libero.
(focus\ aise) 

Newsletter
Archivi