ADESIONE ALBANIA E MACEDONIA DEL NORD: PER IL PARLAMENTO UE UN ERRORE LA MANCATA APERTURA DEI NEGOZIATI

ADESIONE ALBANIA E MACEDONIA DEL NORD: PER IL PARLAMENTO UE UN ERRORE LA MANCATA APERTURA DEI NEGOZIATI

BRUXELLES\ aise\ - Profondo disappunto per il mancato accordo, in occasione del Vertice UE del 17 e 18 ottobre, sull'avvio dei negoziati di adesione all'UE con Albania e Macedonia del Nord. Ad esprimerlo il Parlamento europeo, che oggi ha adottato una risoluzione in cui ha sottolineato che entrambi i paesi soddisfano i requisiti per l'avvio dei negoziati.
I deputati hanno deplorato l'iniziativa di Francia, Danimarca e Paesi Bassi di bloccare la decisione, affermando che l'Albania e la Macedonia del Nord hanno compiuto notevoli sforzi negli ultimi anni e soddisfano i requisiti dell'UE per l’avvio dei negoziati di adesione.
Nel lodare gli sforzi della Macedonia settentrionale per la positiva risoluzione di delicate questioni bilaterali rimaste in sospeso con i paesi vicini, i deputati hanno inoltre accolto con favore le recenti riforme del sistema giudiziario in Albania.
Errore strategico
La “mancata decisione” sull'avvio dei negoziati rappresenta un errore strategico che ha un effetto negativo sulla credibilità dell'Unione e invia un segnale negativo a eventuali paesi candidati. Potrebbe inoltre consentire ad altri attori stranieri - le cui politiche potrebbero non essere in linea con i valori e gli interessi dell'UE - di stringere relazioni più strette sia con la Macedonia del Nord che con l'Albania.
Una riforma del processo di allargamento, auspicata da alcuni paesi, non dovrebbe ostacolare paesi che soddisfano già i requisiti per l'avvio di negoziati di adesione. I paesi candidati devono essere valutati in base ai propri meriti e a criteri oggettivi e non sulla scorta di considerazioni di politica interna dei singoli Stati membri.
Avviare i negoziati
I deputati hanno esortato i Paesi UE a dare prova di responsabilità nei confronti dell'Albania e della Macedonia del Nord e a adottare una decisione positiva unanime nella prossima riunione. Il Parlamento europeo dovrebbe rafforzare ulteriormente le proprie attività di sostegno alla democrazia per garantire che i parlamenti nazionali dei Balcani occidentali svolgano appieno il proprio ruolo in termini di promozione di riforme democratiche.
La risoluzione è stata adottata con 412 voti favorevoli, 136 contrari e 30 astensioni. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi