Europarlamento: l’Ue rafforzi sostegno a cittadini, imprese e l'aiuto all'Ucraina

BRUXELLES\ aise\ - In una risoluzione sulle conseguenze sociali ed economiche per l'UE della guerra russa in Ucraina, i deputati del Parlamento europeo hanno affermato ieri, 19 maggio, che “l'aggressione militare russa contro l'Ucraina e le sanzioni giustificate dell'UE nei confronti della Russia e della Bielorussia stanno incidendo sulla ripresa economica post-pandemia dell'UE". È dunque necessario far fronte a tali conseguenze, per aiutare famiglie e imprese e mantenere “il sostegno dei cittadini europei a favore delle azioni intraprese contro la Russia e delle altre azioni necessarie per sostenere gli ucraini nella loro difesa”.
La risoluzione conclude il dibattito in plenaria del 4 maggio. Il testo, non legislativo, è stato approvato ieri per alzata di mano.
Gli strumenti finanziari esistenti non possono gestire gli effetti della guerra
Secondo gli eurodeputati, gli strumenti esistenti come il Recovery (NextGenerationEU), lo strumento europeo SURE di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione in un'emergenza (Support to mitigate Unemployment Risks in an Emergency) o il sistema di flessibilità del bilancio UE non sono sufficienti a mitigare gli effetti negativi della guerra e il costo per l'UE delle sanzioni imposte alla Russia.
Per questo motivo, i deputati chiedono la tassazione dei proventi straordinari per le compagnie energetiche, il congelamento e sequestro dei beni degli oligarchi russi e un'ulteriore flessibilità nel bilancio UE. Inoltre, il quadro finanziario pluriennale (QFP) dovrebbe essere rivisto, le norme sugli aiuti di Stato dovrebbero essere applicate in modo più flessibile, il livello di garanzia dell'UE nel programma InvestEU dovrebbe essere aumentato e la Commissione dovrebbe essere pronta, se necessario, a proporre nuovi programmi. L'UE dovrebbe anche assumere un ruolo guida nella creazione di un fondo fiduciario di solidarietà per l'Ucraina.
Aiutare persone e imprese a superare i momenti difficili
La guerra ha inasprito una già grave crisi dei prezzi dell'energia e ciò sta incidendo negativamente sul potere d'acquisto e sui costi operativi. L'aggravarsi della crisi richiede un intervento rapido. Per questo, i Paesi UE dovrebbero aumentare il loro sostegno sociale e stanziare spese supplementari per un supporto mirato alle imprese vulnerabili ma sostenibili. Inoltre, l'aumento delle retribuzioni dovrebbe tenere conto dell'inflazione a lungo termine e della crescita della produttività, al fine di mantenere il potere d'acquisto delle famiglie.
Secondo i deputati europei, è necessario istituire un pacchetto temporaneo europeo per la resilienza sociale che coordini una serie di misure e mezzi per rafforzare i sistemi di previdenza sociale e di protezione sociale nell'UE.
Investire nell'autonomia
I parlamentari dell’Ue pongono particolare enfasi sullo sviluppo dell'autonomia dell'UE e chiedono l'istituzione di un nuovo fondo europeo dedicato. Il fondo per l'autonomia strategica per l'Europa finanzierebbe le infrastrutture energetiche transfrontaliere, la produzione di energia rinnovabile e l'efficienza energetica, la cibersicurezza, la competitività industriale, l'economia circolare, la sicurezza alimentare e lo sviluppo sostenibile. (aise)