PROMOZIONE E CULTURA

PROMOZIONE E CULTURA

ROMA – focus/ aise - Dalle 17 di mercoledì 18 settembre alla sera di sabato 21 settembre, 37 locali italiani parteciperanno al True Italian Food Festival, rassegna della cucina italiana organizzata da Berlin Italian Communication, True Italian in collaborazione con Campari, Aperol Spritz e Averna e il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo.
Dopo il successo a Berlino, il conosciuto festival della cucina italiana raggiunge dunque un’altra città cardine della Germania.
Amburgo sarà per la prima volta la sede di un festival dedicato interamente alla cucina italiana che si svolgerà contemporaneamente anche a Berlino. Dal 18 al 21 settembre 2019. 37 ristoranti apriranno le loro porte e offriranno alla clientela i tipici piatti della tradizione al prezzo speciale di soli 7€ assieme ad un drink a scelta tra Aperol Spritz e Campari Amalfi (cocktail a base di Campari e bitter lemon).
L’obiettivo del festival è quello di promuovere e far conoscere la cucina italiana all’estero, soprattutto proponendo specialità tipiche e non conosciute o sottovalutate anche dagli italiani stessi.
Come funziona il 72 hrs True Italian Food Festival?
Per prendere parte a questo tour del gusto unico nel suo genere, basta recarsi tra le ore 17 di mercoledì 18 e la sera di sabato 21 settembre in uno dei locali partecipanti all’evento e chiedere la specialità dell’evento True Italian. Che sia una vera e propria sfida all’ultimo ristorante o una semplice degustazione di specialità poco conosciute, potrete divertirvi a scegliere il ristornate e la specialità che più vi incuriosiscono e godervela accompagnata da un Aperol Spritz o Campari Amalfi.
Per potersi orientare tra i vari locali verrà realizzata la 72 hrs True Italian Food Map, una mappa ricalcata sulla cartina della metropolitana di Amburgo in cui verranno rappresentati i locali partecipanti di tutte le zone della città. Al suo interno troverete anche per ogni ristorante il relativo indirizzo, gli orari di apertura e specialità offerta. La mappa è disponibile come PDF scaricabile e su Google Maps e presto anche come flyer cartaceo reperibile nei locali partecipanti. Conservatela anche dopo l’evento, potrà esservi utile se vorrete tornare a visitare i ristoranti che vi hanno colpito di più.
La mappa può essere scaricata come PDF cliccando qui.
Il network True Italian ha lo scopo di preservare e promuovere i locali e food truck italiani in Germania che rappresentano l’autentica tradizione culinaria italiana. Per renderli identificabili, viene conferito loro il marchio (registrato presso il Deutsches Patent und Markenamt, l’ufficio marchi e brevetti tedeschi). Aderire al marchio True Italian significa offrire ingredienti di alta qualità, mescolati per creare piatti che portano con sé l’autentica tradizione italiana. La 72 hrs True Italian Food Festival – Hamburg segue progetti di successo come l’Italian Street Food Festival Berlin, lo Spritz & Italian Food Night Festival, la 72hrs True Italian Food – Berlin, l’Italian Pizza Week e la True Italian Pasta Week.
Il 13 settembre alle ore 17.45 presso l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo si terrà una conferenza stampa per soli giornalisti durante la quale verrà presentato l’evento.
L'Istituto Italiano di Cultura collaborerà ancora una volta con Expo Chicago, una delle principali fiere d'arte internazionali che si terrà dal 16 al 22 settembre a Chicago, nello Stato americano dell’Illinois.
Alla sua ottava edizione, l'Esposizione Internazionale di Arte Contemporanea e Moderna di Chicago ospita oltre 135 importanti espositori internazionali presso la Navy Pier Festival Hall, insieme a una delle piattaforme di altissima qualità per l'arte e la cultura contemporanea globale.
L'edizione 2019 presenterà vari programmi ed eventi in tutta la città di Chicago nell’ambito dell'Expo Art Week.
L'Istituto Italiano di Cultura partecipa all’iniziativa con la presentazione del programma di scambio curatoriale di quest'anno. Lanciato nel 2018, il Curatorial Exchange Program è un'iniziativa internazionale senza precedenti che offre a selezionati curatori internazionali, sia esordienti sia affermati, l'opportunità di interagire strettamente con i loro colleghi e con gli espositori internazionali presenti all’Expo Chicago, il tutto immersi nel paesaggio culturale di Chicago che il programma giornaliero dell’Expo consentirà di esplorare.
Sviluppato in collaborazione con i Consolati e le altre agenzie culturali straniere presenti in città, il Curatorial Exchange Program mira a sviluppare collaborazioni e dialoghi futuri e a promuovere nuove intuizioni sui programmi tanto delle istituzioni museali quanto delle gallerie d’arte, nonché sulle pratiche degli artisti locali e internazionali.
Per l’Italia parteciperanno quest'anno al Curatorial Exchange Program di Chicago i curatori Roberta Tenconi e Marcella Beccaria.
Per ulteriori dettagli sulla manifestazione si può visitare il sito Internet dell’Expo Chicago.
In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica, l'Istituto Italiano di Cultura di Haifa ha organizzato, il 23, 24 e 26 settembre presso la propria sede, una serie di conferenze dal titolo “Dalle biblioteche alle antiche giudecche: memorie ebraiche ritrovate”, durante le quali si discuterà sulle biblioteche ebraiche, sulle antiche giudecche e sulle memorie perdute e ritrovate, tra Venezia e la Sicilia.
A tenere le conferenze sarà Chiara Camarda, che ha conseguito un dottorato di ricerca in Studi sull'Asia e sull'Africa presso l'Università Ca' Foscari di Venezia.
“Libri ebraici in Italia: catalogazione del patrimonio bibliografico”. È questo il titolo della prima delle tre conferenze, alle ore 18.30 del 23 settembre, che verterà sul lavoro di ricerca della dottoressa Camarda, coinvolta in un progetto promosso in partenariato dall'UCEI, dalla National Library of Israel e dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, che mira a censire e pubblicare in una teca digitale tutti i libri ebraici pubblicati prima del 1960 e conservati nelle Biblioteche delle Comunità Ebraiche italiane e in quelle statali.
“Il ghetto di Venezia: un luogo di memoria itinerante” è il titolo della seconda delle tre conferenze, sempre alle 18.30 ma del 24 settembre. Il secondo incontro sarà incentrato sul Ghetto di Venezia. A partire dall'esperienza e dalla memoria di quel Ghetto si discuterà di altre esperienze simili che hanno avuto luogo nella storia, anche al di fuori dal contesto ebraico.
“Sicilia ebraica: la memoria ritrovata” è, invece, il titolo della terza ed ultima delle tre conferenze, prevista per il 26 settembre sempre alle 18.30. E sarà un viaggio attraverso video e immagini alla scoperta delle antiche Giudecche siciliane e delle testimonianze storiche, che proprio in questi ultimi anni suscitano un rinnovato interesse. Con uno sguardo al florido passato ebraico dell'Isola e ai personaggi che hanno segnato in modo particolare questa storia, verranno messi in evidenza gli elementi ancora oggi esistenti e si entrerà in contatto con le piccole realtà ebraiche che si stanno formando nella Regione, attirando interesse e curiosità. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi