“UN DUOMO PER MIA MADRE”: I DISEGNI DI CRISTINA SCHIRATTI BAY A OSLO

“UN DUOMO PER MIA MADRE”: I DISEGNI DI CRISTINA SCHIRATTI BAY A OSLO

OSLO\ aise\ - “Un duomo per mia madre” è il titolo della mostra di disegni di Cristina Schiratti Bay ispirati al duomo di Milano, che sarà inaugurata il 12 aprile nelle sale dell’Istituto Italiano di Cultura di Oslo.
“Nel 1962 mia madre si trasferisce a Milano”, racconta l’artista. “Lavorava proprio accanto al Duomo e abitava in pieno centro, dove ha conosciuto mio padre. Ha vissuto a Milano per circa 15 anni. Ha sempre amato quel periodo della sua vita e ne ha sempre avuto nostalgia. È mancata 10 anni fa e non sono riuscita a darle un vero e proprio addio”.
“Contrariamente a me, mia madre non è più tornata a Milano dopo il 1975. Sapevo però che avrebbe desiderato avere un grande disegno a carboncino del duomo, da appendere sopra al suo divano”, continua Cristina Schiratti Bay. “Il duomo mi ha sempre affascinato, con i suoi pizzi e merletti in marmo bianco e le sue continue trasformazioni, a seconda della luce, del tempo atmosferico e le stagioni. Una struttura davvero imponente, un luogo sacro che può mettere soggezione. Capita di sentirsi piccoli e inutili davanti al fasto di quella cattedrale. E così, un giorno mi sono messa a tavolino e l’ho studiato... Mi attraevano soprattutto vecchie fotografie degli anni ‘50 e ‘60, perché era quello il duomo che mia madre conosceva. Ma poi quel duomo, ad un certo punto, l’ho voluto fare anche mio. Non era più solo quello di mia madre”.
Per l’artista il duomo è il “simbolo” di un mondo intero, quello della città patria della moda e dell’eleganza. Ecco allora il duomo diventare “un abito e un divertissement su una serie di situazioni tipicamente milanesi”. Questi schizzi sono esposti a Oslo insieme a dei ritratti e altri disegni, che insieme rappresentano il “piccolo omaggio” di Schiratti Bay “alla grande moda italiana”. Senza dimenticare che “mia madre voleva tanto starsene seduta assieme alla sua cagnolina Desi sul suo vecchio divano in velluto verde, con sopra il disegno del duomo. Il mio, quello che avevo disegnato per lei”.
Nata a Milano nel 1969 da madre tedesca e padre italiano, Cristina Schiratti Bay dice di avere “anima e cuore italiani”. A Milano è cresciuta fino al 1975, per poi spostarsi in Kenya e in Germania e tornare in Italia solo da adulta. Dal 2003 abita in Norvegia, dove si è spostata con Morten Bay.
Ha lavorato sempre nel tessile, in Italia, in Estremo Oriente e in Norvegia; poi come grafica e sempre, grazie alla sua professione, ha viaggiato, sperimentando nuovi punti di vista e sviluppando la propria creatività. Quando si è riavvicinata alle arti visive, ha frequentata una scuola d’arte a Paros, in Grecia, per poi perfezionarsi al suo rientro in Norvegia con il noto artista Reidar Finsrud a Drøbak e all'Oslo Maleklubb. Ha appena aperto un suo studio al Tyrigrava. Lavora con diverse tecniche: acquarelli, olio e acrilico e, oltre al duomo, disegna nature morte e corpi umani.
La sua mostra a Oslo sarà aperta sino al15 maggio con ingresso libero. (aise) 

Newsletter
Archivi