SORPRESA! JUNCKER È ANCORA IN COMMISSIONE EUROPEA (DA DOVE NON È MAI ANDATO VIA) – DI EMANUELE BONINI

SORPRESA! JUNCKER È ANCORA IN COMMISSIONE EUROPEA (DA DOVE NON È MAI ANDATO VIA) – di Emanuele Bonini

BRUXELLES\ aise\ - “Ufficialmente ha lasciato la Commissione europea il 30 novembre 2019, ma in realtà Jean-Claude Juncker non ha mai lasciato l’esecutivo comunitario. Può sembrare strano, eppure è così. Dal 5 dicembre 2019 è consigliere speciale (non retribuito) del commissario per il Bilancio Johannes Hahn, per questioni relative proprio al bilancio comune e, salvo rinnovi, continuerà nella sua nuova veste fino al 4 dicembre 2021. È forse la principale sorpresa della lista dei consiglieri speciali dei commissari europei che l’esecutivo comunitario ha reso nota solo in queste ore. Alcuni incarichi sono stati assegnati nelle ultime ore, ed è per questo che la Commissione UE ha pubblicato la lista completa solo adesso, aggiornata in ogni suo funzionario”. Ne scrive Emanuele Bonini su “Eunews”, quotidiano online diretto a Bruxelles da Lorenzo Robustelli.
“Uno degli ultimi incarichi assegnati (ma era cosa nota sin dal giorno della nomina) è quello del nuovo consigliere speciale personale di Ursula von der Leyen. Dal 7 maggio scorso la presidente dell’esecutivo comunitario ha ingaggiato Peter Piot per “consigliare la Commissione nel sostenere e guidare la ricerca e l’innovazione nella lotta globale contro la pandemia di coronavirus”. La fine dell’incarico è prevista il 31 marzo 2021.
Nell’elenco figurano due nomi di rilievo. Il primo, già citato, di Juncker, ex presidente della Commissione europea, predecessore dell’attuale presidente Ursula von der Leyen, che ha lavorato per cinque anni con Hahn, suo commissario per le Politiche di vicinato e, per un breve periodo (3 luglio- 30 novembre 2019), anche per le Politiche regionali. L’austriaco è rimasto anche in questa legislatura europea, e ha scelto il suo ex presidente come consigliere speciale. Una mossa ‘azzeccata’, verrebbe da dire, vista l’esperienza di Juncker con la materia europea.
Poi c’è Christos Stylianides, già commissario per la Gestione delle crisi nella Commissione Juncker. Per lui un nuovo incarico per conto di Margaritis Schinas, commissario per i Valori europei. Compito di Stylinides: “Sostenere il lavoro sull’educazione in situazioni di emergenza, migrazione e inclusione”.
Figurano poi tre italiani nella speciale lista di consiglieri speciali.
Stefano Manservisi, ex Direttore generale della Commissione europea, lavorerà per tutto il mandato di Paolo Gentiloni per aiutare il commissario all’Economia a “promuovere il dialogo con i paesi terzi su questioni rilevanti per gli aspetti chiave del portafoglio (ruolo internazionale dell’euro, sistemi fiscali, obiettivi di sviluppo sostenibile”.
Quindi Nathalie Tocci, direttrice dell’Istituto per gli Affari internazionali (IAI), voluta dall’Alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza dell’UE, Josep Borrell, per “fornire consulenza sull’elaborazione della strategia globale dell’UE”, così come la volle anche Federica Mogherini nella passata legislatura.
Un aiuto italiano anche per Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo responsabile per un’Economia al servizio delle persone. Con lui lavorerà fino al 19 ottobre 2021 Massimo Bordignon, in quanto membro del Comitato consultivo europeo indipendente per il bilancio”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi